EStè: quando l’idea di un brand nasce in uno sgabuzzino!

La psicologia umana in chiave ironica, nasce così l’idea illustrativa di EStè: moda arte e psicologia in due metri quadri di libertà.

  • Come nasce il nome EStè, e cosa significa?

Il nome prende spunto dall’Estetismo di Oscar Wilde. L’esteta diventa Este, come nelle illustrazioni e nei lavori che presentiamo nella pagina, c’è sempre una chiave di lettura doppia, un riflesso figurativo.Questo tipo di approccio vale anche per il nome, se scomponiamo Este, troviamo l’es dei tre luoghi psichici Freudiani: ES IO SUPER IO. Si è il caso di dirlo spesso la nostra ricerca è ESTEnuante …

  • Com’è composta la squadra di Estè?

La squadra di EStè è composta da Lorenzo Giustozzi artista e creatore del progetto  e Marco Fazzi socio e responsabile del percorso marketing pubblicitario, responsabile vendita e conio un nuovo termine “contattologo” colui che procaccia contatti. Ci circondiamo comunque di figure satellite presenti nel team per gestire al meglio il nostro brand.

  • Quant’è difficile in questo mondo digitale farsi riconoscere e crearsi una propria fetta di pubblico fidelizzato?

E’ una bella domanda, la difficoltà del farsi riconoscere va di pari passo oggi con la difficoltà di non essere riconosciuto. Viviamo nel Big Bang digitale, basta aprire un qualsiasi social per rendersi conto, di quanto la condivisione è diventata compulsiva e frenetica. Quello che fa la differenza è la storia che porti nella pelle, l’arte è la metro per le idee, però se tutti aspettano per la stessa destinazione, si finisce per saturare ogni vagone, saltare le fermate, trovandoci in uno spazio di due metri quadri, a disegnare prima di tutto l’ossigeno per vivere. Uso molte metafore perdonatemi, però il concetto è questo, ciò che fa la differenza è il coraggio di esporsi con un messaggio che fa parte della tua identità, fuori la gente ha bisogno di arte e se il tuo mondo è spontaneo, alla fine una fan base arriva, poi ovviamente sta a te giocare bene le tue carte. Far nascere un‘idea non è sempre così semplice, ci vuole un buon corso da o”ESTE”trica o Estetica, lascio a voi la scelta.

  • Quale progetto dall’inizio ad oggi vi ha portato più soddisfazione?

Ci sono molti progetti, in realtà ognuno ha la sua importanza e segna dei passi in più per Estè. Sicuramente il Fuori Salone di Milano nello stand Wacom, è stato per noi un grande traguardo.

  • Illustrazioni pop surrealiste, è questa la vostra maggiore fonte di ispirazione?

Sicuramente la Pop Art e il Surrealismo sono influenze molto forti nel nostro brand. Il mio personale approccio all’arte ha un punto fondamentale, mantenere viva la curiosità, quindi mi piace sperimentare molto e mettermi alla prova ogni volta, in questo mi sento molto Fortunato … Depero.

  • Stampe su t-shirt, scarpe dipinte a mano, il progetto per il famoso marchio di borse o-bag. La moda che incontra l’arte. Quanto è stato difficile passare dal lavoro in uno sgabuzzino alla realizzazione di disegni per un grande marchio?

“Sgabuzzino is the new stage “ Quando s’inizia un percorso come il nostro che è appunto emergente, ci sono tantissime difficoltà, però mettendo da parte la disponibilità economica e tutto quello che riguarda i numeri, la prima cosa fondamentale da affrontare è il coraggio di uscire, senza cadere tra le braccia della paura. Fuori moltissimi sanno disegnare meglio di me ma questo non vuol dire che hanno idee buone. La tecnica se dosata male può essere la peggior nemica, prendiamo Mirò lui diceva “ io voglio uccidere l’arte” questo non significava altro che ripartire da una forma nuova sempre più pura e spontanea. Oggi investire sulla tua idea comprende una serie di fattori che ogni persona deve valutare, io mi sento di ringraziare ogni giorno il mio socio Marco Fazzi, lui da quando è entrato in EStè mi ha fatto conoscere aspetti della gestione che ignoravo oltre a darmi la spinta di coraggio giusta per cercare il confronto. Con Obag non c’è stata una collaborazione industriale, ho fatto una mini collezione presentata negli store sotto forma di performance. Durante queste sessioni dipingevo la storia delle clienti sulla loro borsa, dopo una breve intervista sulla loro vita, poi per ragioni e politiche aziendali ci hanno fatto chiudere… come si arriva a un marchio? Oggi posso dirvelo, bussando senza paura, consapevole del fatto che sai chi sei e sai cosa vuoi raggiungere. Non c’è migliore cosa che far vedere sicurezza e professionalità a una qualsiasi ditta, sei tu che metti a disposizione la tua creatività e la fantasia è un bene prezioso.

  • Progetti futuri, qualche anticipazione?

Il nostro progetto principale adesso è consolidare il brand e farci conoscere, però possiamo dirvi che c’è qualche email molto importante in attesa di risposta…

  • Creatività è la base per essere un buon graphic designer, ma non solo, quale giusta ricetta da seguire per i giovani che si affacciano a questo mestiere?

Io non mi sento un vero e proprio graphic designer e forse il mio consiglio è proprio questo, non creare selezioni, rimanendo in tema, per la propria immaginazione. Vengo da un percorso di studi umanistico, anzi, quando ho frequentato per circa un anno l’istituto d’arte qualche compagno diceva che non ero poi così bravo, questo mi portò a cambiare scuola. Fuori dedico all’arte tutta la mia vita, ho un percorso come autore e cantante con un’etichetta indipendente, porto avanti EStè e lavoro nel frattempo con studi grafici per ampliare il mio profilo. La nostra società tende a identificare, tu sei questo , tu sei quello, l’arte ci insegna a distruggere con stile, questo è il mio consiglio, distruggere e ricostruire ogni volta, ricordandoci però di salvare quello che abbiamo distrutto.

Baffidansia

Seguite EStè su:

facebook / instagram  / eshop

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...